Project Description

    PER MAGGIORI INFORMAZIONI COMPILA IL FORM


    della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM e della privacy policy* di questo sito.

    * In merito alla finalità C) dell’informativa privacy, ossia l’invio comunicazioni – attraverso posta elettronica e/o newsletter – relative a eventi e iniziative promossi dalla Libera Università di Lingue e Comunicazione:


    Presto il consensoNego il consenso


    Il Master in Art Market Management si rivolge sia a professionisti come private banker, promotori finanziari, avvocati e commercialisti interessati a cogliere le nuove opportunità che il mercato dell’arte offre in termini di diversificazione del patrimonio e forma di investimento, che agli operatori del mondo dell’arte e del patrimonio artistico (curatori, galleristi, direttori di musei, art advisor, addetti agli affari legali all’interno di case d’asta e fondazioni private) che abbiano la necessità di un aggiornamento su queste tematiche.

    Il percorso formativo è organizzato in quattro moduli, acquistabili anche separatamente.

    • Mercato dell’arte e Wealth Management
    • Filantropia per le arti e la cultura
    • Gestione e valorizzazione delle collezioni
    • Diritto e fiscalità dell’arte

    Il Master contribuisce a formare le seguenti figura professionali:

    • Consulenti di servizi finanziari e legali per l’arte
    • Project manager per gallerie, case d’asta e fondazioni
    • Responsabili della comunicazione e di servizi per l’arte
    • Professionisti operanti nel settore culturale
    • Art Advisor
    • Carriera imprenditoriale in start-up culturali

    Tra le numerose aziende che hanno collaborato con il Master in Art Market Management si annoverano:

    Deloitte, Banca Aletti, AIPB, Christie’s, Phillips, Cambi Casa d’Aste, Fondazione Morra Greco, AGI Verona, Larry’s List, Archivio Agostino Bonalumi, Palazzo Monti, Brunswick, Google, Cinello, Open Care, Art Defender, Aon, Art Loss Register, Studio CBM & Partners, LCA Studio Legale, CBA Studio Legale e Tributario, McKinsey, Finarte, Pi-eX, Wannenes, Pierri Philanthropy, Fondazione Mazzola, UBS, Aragorn, Civita, Cultural Philanthropy, Luxottica, UBI Banca, Fondazione Coppola, Fondazione Fausto Melotti, Collezione Ramo, Artshell, Generali Arte, Assocastelli, Assopatrimonio, ANACI, ArtVerona, Galleria Massimo De Carlo.

    Il Master in Art Market Management ha una durata complessiva di 130 ore.
    Il programma è erogato in formato Blended e abbina ai momenti d’aula diverse modalità di apprendimento Off Campus, come Distance Learning, Company Visits, networking cocktail, project work e un Gran Tour in Italia.
    La “formula Blended” che prevede l’alternanza di moduli On Campus e moduli Off Campus, permette di conciliare la frequenza alle lezioni con un’attività lavorativa. La didattica online si svolge due giorni a settimana dalle ore 17:00 alle 19:00 e il sabato, a settimane alterne, dalle ore 9:00 alle 13:00 presso l’Università IULM.

    Chiusura preiscrizioni: 22 novembre 2021

    Inizio lezioni: 04 dicembre 2021

    A causa dell’emergenza sanitaria, i posti in presenza sono a numero ridotto e rispettano le norme sul distanziamento sociale. Raggiunto il limite di capienza delle aule, le preiscrizioni saranno chiuse.

    Il costo per gli studenti comunitari è di €5.500 (+ IVA).

    Il costo per gli studenti extracomunitari è di 6.750€ (+IVA).

    Per iscritti provenienti dalla stessa Azienda

    L’iscrizione di più partecipanti provenienti dalla stessa azienda prevede le seguenti agevolazioni:
    •    10% sul secondo iscritto
    •    15% sul terzo iscritto
    •    20% sul quarto iscritto e successivi

      PER MAGGIORI INFORMAZIONI COMPILA IL FORM


      della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM e della privacy policy* di questo sito.

      * In merito alla finalità C) dell’informativa privacy, ossia l’invio comunicazioni – attraverso posta elettronica e/o newsletter – relative a eventi e iniziative promossi dalla Libera Università di Lingue e Comunicazione:


      Presto il consensoNego il consenso